Skip to main content
Tag

Fisioterapia

ASIMMETRIE POSTURALI

Un corpo in equilibrio è fondamentale per una buona salute e il benessere generale. Tuttavia, molte persone soffrono di asimmetrie posturali, che possono portare a una serie di problemi fisici, tra cui dolori muscolari, tensioni e ridotta funzionalità. In questo articolo, esploreremo le asimmetrie posturali, le loro cause, i sintomi associati e come un fisioterapista può aiutare a migliorare la postura e ridurre il rischio di lesioni.

Cos’è un’asimmetria posturale?

Un’asimmetria posturale si verifica quando ci sono differenze visibili o misurabili tra la postura di una parte del corpo rispetto all’altra. Queste asimmetrie possono riguardare la spalla, i fianchi, la colonna vertebrale o altre parti del corpo. Una postura asimmetrica può essere dovuta a una serie di fattori, tra cui abitudini posturali, infortuni passati, disfunzioni muscolari o problemi strutturali.

 

Cause comuni di asimmetrie posturali

Le asimmetrie posturali possono avere molte cause diverse, tra cui:
Abitudini posturali errate: la postura scorretta mantenuta nel tempo può portare a squilibri muscolari.
Infortuni precedenti: lesioni o traumi possono alterare la postura e influenzare la simmetria corporea.
Disfunzioni muscolari: debolezza o squilibri nei muscoli che supportano la colonna vertebrale e le articolazioni possono contribuire alle asimmetrie.
Problemi strutturali: anomalie anatomiche possono portare a asimmetrie posturali, sebbene siano meno comuni.

Le asimmetrie posturali possono causare vari sintomi, tra cui:

• Dolori muscolari, spesso nella parte bassa della schiena, collo e spalle.
• Limitazioni nella gamma di movimento.
• Affaticamento muscolare e disfunzione articolare.
• Problemi di equilibrio e coordinazione.

 

 

Il ruolo della fisioterapia nel trattamento delle asimmetrie posturali

I fisioterapisti svolgono un ruolo fondamentale nel trattamento delle asimmetrie posturali. Ecco come possono aiutare:

Valutazione specialistica: un fisioterapista condurrà una valutazione approfondita per identificare le cause specifiche delle asimmetrie posturali.
Piano di trattamento personalizzato: basandosi sulla valutazione, il fisioterapista svilupperà un piano di trattamento personalizzato per affrontare le asimmetrie, che potrebbe includere esercizi terapeutici, mobilizzazioni articolari e altre terapie manuali.
Esercizi di rinforzo: gli esercizi mirati per rafforzare i muscoli deboli e ripristinare l’equilibrio muscolare sono spesso parte integrante del trattamento.
Educazione sul corretto allineamento: il fisioterapista può insegnare al paziente come mantenere una postura corretta e adottare abitudini posturali salutari nella vita di tutti i giorni.
Prevenzione delle recidive: i fisioterapisti lavorano per prevenire recidive delle asimmetrie posturali attraverso l’educazione e il follow-up continuo.

 

Fisioterapista Andrea Sgambati

Le asimmetrie posturali possono influire negativamente sulla salute e il benessere generale, ma la fisioterapia può aiutare a correggere queste disfunzioni e migliorare la qualità della vita. Se hai notato asimmetrie nella tua postura o soffri di sintomi correlati, consulta un fisioterapista esperto per una valutazione e un trattamento appropriato. La correzione delle asimmetrie posturali può non solo alleviare il dolore, ma anche prevenire lesioni future e migliorare la tua qualità di vita.

Fisio Flaminio - via donatello
FISIOFLAMINIO
Via Donatello 75
00195 Roma
Tel. (+39) 06 39375719
Fisio Flaminio - orari apertura
ORARI
Lun. – Ven. 08:00 – 20:00
Sabato 08:00 – 14:00
Fisio Flaminio - via donatello
FISIOFLAMINIO
Via Donatello 75
00195 Roma
Tel. (+39) 06 39375719
Fisio Flaminio - orari apertura
ORARI
Lun. – Ven. 08:00 – 20:00
Sabato 08:00 – 14:00
© 2023 FISIOFLAMINIO – P.IVA 15579551001 – ALL RIGHTS RESERVED.

DOLORE DELLA ZONA DORSALE

Il dolore alla parte dorsale, o dolore alla schiena, è un problema comune che può influenzare notevolmente la qualità della vita. Questo fastidio può essere causato da diverse ragioni e manifestarsi in modi diversi, ma una cosa è certa, il dolore alla schiena può avere un impatto significativo sulla mobilità e sul benessere. In questo articolo, esploreremo le possibili cause del dolore alla parte dorsale, i sintomi associati e come un fisioterapista può aiutare a ridurre il dolore e migliorare la funzionalità.

Cause comuni del dolore alla parte dorsale

Il dolore alla parte dorsale può derivare da una serie di fattori, tra cui:

Sovraccarico muscolare: sollevare oggetti pesanti o compiere movimenti ripetitivi può sovraccaricare i muscoli della schiena.
Postura scorretta: mantenere una postura scorretta durante l’attività quotidiana o sul posto di lavoro può mettere pressione sulla schiena.
Infortuni o traumi: cadute, incidenti o infortuni sportivi possono causare lesioni alla schiena.
Problemi della colonna vertebrale: problemi come ernie del disco, compressione nervosa o scoliosi possono essere cause sottostanti di dolore alla parte dorsale.

 

Sintomi associati al dolore alla parte dorsale

I sintomi del dolore alla parte dorsale possono variare da persona a persona, ma i più comuni includono:
• Dolore localizzato o diffuso nella parte dorsale.
• Rigidità muscolare o diminuzione della flessibilità.
• Dolore che può irradiare verso le braccia o le gambe.
• Sensazioni di formicolio o intorpidimento.
• Ridotta capacità di svolgere le attività quotidiane.

 

Il ruolo della fisioterapia nel trattamento del dolore alla parte dorsale

I fisioterapisti svolgono un ruolo fondamentale nel trattamento del dolore alla parte dorsale. Ecco come possono aiutare:
Valutazione specialistica: un fisioterapista condurrà una valutazione dettagliata per identificare la causa del dolore e sviluppare un piano di trattamento personalizzato.
Terapie manuali: utilizzare terapie manuali, come il massaggio terapeutico, per ridurre la tensione muscolare e migliorare la circolazione sanguigna nella zona afflitta.
Esercizi terapeutici: prescrivere esercizi mirati per rafforzare i muscoli deboli e migliorare la postura.
Educazione sul corretto movimento: insegnare al paziente come evitare movimenti e posture che possono causare dolore.
Migliorare la flessibilità e la mobilità: lavorare per migliorare la flessibilità e la mobilità della schiena e delle articolazioni circostanti.

Conclusione
Il dolore alla parte dorsale è un problema che può avere un impatto significativo sulla qualità della vita, ma con il giusto approccio, può essere gestito con successo. Se soffri di dolore alla schiena, consulta un fisioterapista esperto. Un piano di trattamento personalizzato, che potrebbe includere terapie manuali, esercizi terapeutici e consigli su stili di vita salutari, può aiutarti a ridurre il dolore e migliorare la tua funzionalità. La fisioterapia è una risorsa preziosa per affrontare il dolore alla parte dorsale e migliorare il tuo benessere generale.

 

Fisio Flaminio - via donatello
FISIOFLAMINIO
Via Donatello 75
00195 Roma
Tel. (+39) 06 39375719
Fisio Flaminio - orari apertura
ORARI
Lun. – Ven. 08:00 – 20:00
Sabato 08:00 – 14:00
Fisio Flaminio - via donatello
FISIOFLAMINIO
Via Donatello 75
00195 Roma
Tel. (+39) 06 39375719
Fisio Flaminio - orari apertura
ORARI
Lun. – Ven. 08:00 – 20:00
Sabato 08:00 – 14:00
© 2023 FISIOFLAMINIO – P.IVA 15579551001 – ALL RIGHTS RESERVED.

DOLORE AL GINOCCHIO DURANTE L’ALLENAMENTO

L’allenamento è un componente essenziale di uno stile di vita sano, ma nulla può fermare la tua routine più velocemente del dolore al ginocchio. Il dolore al ginocchio durante l’allenamento può essere frustrante e scoraggiante, ma comprendere le cause e le soluzioni può aiutarti a superare questo ostacolo. In questo articolo, esamineremo le possibili cause del dolore al ginocchio durante l’allenamento, le misure preventive e come la fisioterapia può svolgere un ruolo cruciale nel recupero e nella prevenzione.

Cause comuni del dolore al ginocchio durante l’allenamento

Il dolore al ginocchio durante l’allenamento può derivare da:
Sovraccarico: l’uso eccessivo del ginocchio senza il dovuto riposo può causare lesioni e infiammazioni.
Squat o deadlift errati: eseguire esercizi come squat o deadlift con una tecnica scorretta può mettere pressione eccessiva sulle articolazioni del ginocchio.
Iperpronazione o supinazione del piede: problemi di postura del piede possono influenzare il modo in cui il ginocchio si muove durante l’allenamento.
Infortuni precedenti: lesioni passate al ginocchio aumentano il rischio di dolore ricorrente.
Flessibilità limitata: la mancanza di flessibilità muscolare e articolare può causare tensioni e stress sul ginocchio.

Prevenzione del dolore al ginocchio durante l’allenamento

La prevenzione è spesso la chiave per evitare il dolore al ginocchio durante l’allenamento. Ecco alcune misure preventive:
Riscaldamento adeguato: assicurati di riscaldarti prima di ogni allenamento per preparare i muscoli e le articolazioni.
Tecnica corretta: impara la tecnica corretta per gli esercizi e chiedi consigli a un istruttore qualificato.
Progressione graduale: aumenta gradualmente l’intensità e il carico degli esercizi per evitare sovraccarico.
Scarpe adeguatamente ammortizzate: scegli scarpe da allenamento adeguate che supportino i tuoi piedi e le articolazioni del ginocchio.
Migliora la flessibilità e la mobilità: includi esercizi di stretching e di mobilità nella tua routine per mantenere i muscoli e le articolazioni flessibili.

Il ruolo della fisioterapia nel recupero e nella prevenzione

Quando il dolore al ginocchio si fa presente, la fisioterapia può essere la soluzione ideale. Un fisioterapista esperto può:
Valutare l’infortunio: identificare la causa del dolore e sviluppare un piano di trattamento personalizzato.
Fornire terapie manuali: utilizzare terapie manuali per ridurre il dolore e l’infiammazione.
Esercizi di rinforzo: prescrivere esercizi mirati per rafforzare i muscoli circostanti il ginocchio.
Educazione del paziente: insegnare al paziente tecniche di prevenzione e modi per evitare futuri infortuni.

 

In conclusione, il dolore al ginocchio durante l’allenamento è un problema comune ma affrontabile. La prevenzione attraverso buone pratiche di allenamento è essenziale, ma quando si verifica il dolore, non esitare a consultare un fisioterapista esperto. La fisioterapia può aiutarti a recuperare, a migliorare la tua postura e a prevenire futuri infortuni, permettendoti di tornare alla tua routine di allenamento in modo sicuro e senza dolore.

Fisio Flaminio - via donatello
FISIOFLAMINIO
Via Donatello 75
00195 Roma
Tel. (+39) 06 39375719
Fisio Flaminio - orari apertura
ORARI
Lun. – Ven. 08:00 – 20:00
Sabato 08:00 – 14:00
Fisio Flaminio - via donatello
FISIOFLAMINIO
Via Donatello 75
00195 Roma
Tel. (+39) 06 39375719
Fisio Flaminio - orari apertura
ORARI
Lun. – Ven. 08:00 – 20:00
Sabato 08:00 – 14:00
© 2023 FISIOFLAMINIO – P.IVA 15579551001 – ALL RIGHTS RESERVED.

RIABILITAZIONE DEL CROCIATO ANTERIORE

Recuperare la stabilità del ginocchio con la fisioterapia

Il legamento crociato anteriore (LCA) è una parte fondamentale dell’anatomia del ginocchio, svolge un ruolo cruciale nella stabilizzazione dell’articolazione. Tuttavia, lesioni al LCA possono verificarsi a seguito di traumi sportivi, cadute o altri incidenti. La buona notizia è che la fisioterapia può essere un elemento chiave nel processo di recupero. Aiuta i pazienti a riacquistare la funzionalità del ginocchio e tornare alle attività quotidiane e sportive.

 

Importanza del legamento crociato anteriore (LCA)

Il LCA è uno dei quattro legamenti principali nel ginocchio ed ha la funzione di impedire l’eccessivo scivolamento anteriore della tibia sul femore e di limitare la rotazione interna della tibia. E’ responsabile di evitare il movimento eccessivo tra la tibia e il femore. Questo legamento è particolarmente importante per la stabilità dell’articolazione del ginocchio durante le attività che richiedono cambi di direzione, per esempio negli sport come il calcio e lo sci dove il ginocchio è molto sollecitato. Un infortunio al LCA può causare, nella fase acuta, instabilità, dolore e limitazione funzionale dell’articolazione, quindi la capacità di partecipare alle attività quotidiane. Tuttavia i legamenti crociati non sono essenziali per avere una corretta deambulazione, il parametro veramente importante è la stabilità articolare, necessaria nella fase atletica.

Cause comuni di lesioni del LCA

Le lesioni al LCA spesso si verificano nella maggior parte dei casi in situazioni sportive che coinvolgono forti movimenti di torsione o cambi di direzione improvvisi. Gli infortuni sportivi, come il calcio, il basket e lo sci, sono spesso associati a lesioni del LCA. Tuttavia, possono anche verificarsi in situazioni non sportive, come cadute o incidenti automobilistici.

 

Fasi della riabilitazione in seguito alla ricostruzione del legamento crociato anteriore

La riabilitazione del LCA è un processo complesso che richiede tempo e impegno da parte del paziente. Le fasi comuni di riabilitazione includono:

Riduzione del dolore, dell’infiammazione e gonfiore: dopo un intervento dell’al LCA, spesso sono presenti gonfiore, rossore, dolore e diminuzione del normale range articolare. Lo scopo iniziale del fisioterapista è quello di ridurre questi parametri comuni nella fase acuta, riportando il paziente ad una condizione più normale possibile. A volte questo processo può richiedere un mese di tempo, anche perché la prima fase è la più delicata per il paziente, sia per un discorso emotivo che per la percezione del dolore. Il fisioterapista può utilizzare tecniche di riduzione del gonfiore per migliorare il comfort del paziente.

 

Recupero del ROM(range of motion) articolare, la gamma di movimento: superata la fase più difficile, bisognerà recuperare completamente il movimento dell’articolazione del ginocchio, poiché l’articolazione ha bisogno della massima articolarità per funzionare bene, è importantissimo non lasciarla incompleta se non si vuole incorrere in fastidi o problemi futuri. Questo secondo processo richiede un ulteriore mese di tempo. Il paziente lavorerà con il fisioterapista per ripristinare la piena gamma di movimento del ginocchio. Questo può includere esercizi di stretching e mobilizzazione articolare.

 

Potenziamento muscolare: sebbene il rinforzo muscolare deve iniziare dal primo giorno post intervento, arriverà il momento in cui bisognerà concentrarsi sulla forza. In seguito ad una qualsiasi operazione chirurgica, abbiamo un calo ponderale e immediato del tono di base dei muscoli. L’elettrostimolazione e il reclutamento delle fasce muscolari deve essere eseguito dal primo giorno. Un buon esercizio è come un farmaco, calma il dolore e riduce l’infiammazione, poiché richiama quelli che sono i cataboliti, ossigena il tessuto attraverso una migliore circolazione sanguigna e di conseguenza crea una sensazione di benessere immediata al paziente.

L’espressione “basta poco per stare bene”, può rappresentare l’esercizio semplice di contrazione muscolare per sentire meno dolore. Quindi arrivati alla terza fase della riabilitazione, bisognerà concentrarsi sulla forza e sulla stabilità attivando al massimo quei muscoli deficitari, fondamentali per un ritorno ad una vita sportiva e dinamica dei muscoli. Questo processo richiederà un ulteriore mese di tempo. Rinforzare i muscoli circostanti il ginocchio è essenziale per ripristinare la stabilità. Gli esercizi di potenziamento saranno parte integrante del programma di riabilitazione.

Ritorno alla funzionalità: il fisioterapista guiderà il paziente attraverso esercizi specifici per migliorare la stabilità e la coordinazione, preparandolo per il ritorno alle attività sportive o quotidiane (un altro mese).

La riabilitazione del LCA richiede pazienza e dedizione, ma i risultati possono essere molto gratificanti. La fisioterapia è una parte essenziale di questo processo, aiuta i pazienti a recuperare la stabilità del ginocchio e a vivere una vita attiva e sana.

 

Prevenzione delle lesioni

Data la percentuale molto alta di recidive sia sull’arto operato che sulla gamba controlaterale. E’ fondamentale guidare il paziente verso una continua cura del proprio corpo per ulteriori mesi. Il percorso totale deve rientrare tra i 6 e i 9 mesi di lavoro, la prima fase con il fisioterapista e l’ultima con un personale specializzato, comprendendo anche quelle che sono le esigenze e le abitudini di un paziente. È ovvio che un professionista dovrà essere seguito con molta più costanza perché sarà esposto a molteplici stimoli a differenza di chi  invece ha una routine meno dinamica. La prevenzione delle lesioni future è un aspetto importante della riabilitazione del LCA. Il fisioterapista fornirà consigli su come evitare infortuni simili.

In conclusione, il recupero dopo un infortunio al crociato anteriore richiede una solida pianificazione di riabilitazione guidata da un fisioterapista esperto. Attraverso esercizi mirati e una cura attenta, i pazienti possono tornare a godere delle attività che amano, riducendo al minimo il rischio di lesioni future. Se hai subito un infortunio al LCA, consulta un fisioterapista per iniziare il percorso di riabilitazione e recupero.
Ricorda che ogni paziente è unico, quindi è importante lavorare con un professionista della fisioterapia per sviluppare un piano di riabilitazione personalizzato che si adatti alle tue esigenze specifiche.

Fisio Flaminio - via donatello
FISIOFLAMINIO
Via Donatello 75
00195 Roma
Tel. (+39) 06 39375719
Fisio Flaminio - orari apertura
ORARI
Lun. – Ven. 08:00 – 20:00
Sabato 08:00 – 14:00
Fisio Flaminio - via donatello
FISIOFLAMINIO
Via Donatello 75
00195 Roma
Tel. (+39) 06 39375719
Fisio Flaminio - orari apertura
ORARI
Lun. – Ven. 08:00 – 20:00
Sabato 08:00 – 14:00
© 2023 FISIOFLAMINIO – P.IVA 15579551001 – ALL RIGHTS RESERVED.

Benefici della fisioterapia per il dolore lombare

Il dolore lombare colpisce circa il 95% delle persone nel mondo almeno una volta nella vita. Quindi tutti noi siamo consapevoli della fragilità del corpo a livello della colonna vertebrale e per questo l’interesse a preservarla è alto.

Più fisioterapia, meno farmaci

La fisioterapia ha il compito importantissimo di comprendere quei meccanismi per cui la schiena va in sofferenza. Ci sono tantissimi ricercatori che studiano le lombalgie e le lombosciatalgie, con l’obiettivo di trovare una soluzione al problema. Oggi abbiamo molteplici strumenti di fisioterapia, che spiegano come attraverso la riabilitazione è possibile guarire da un problema alla schiena, ma anche come mantenere i benefici nel tempo. Nel futuro, il fisioterapista sarà sempre più specializzato nelle patologie muscolo-scheletriche: mani ed esercizi  saranno mezzi utili ai fini della guarigione. L’utilizzo di farmaci, ghiaccio, o qualsiasi metodo chimico sarà sempre meno utilizzato.

In futuro saremo tutti felicemente obbligati a rivolgerci ad un fisioterapista specializzato che, tramite un’attenta valutazione, capirà il nostro problema, trovando anche la soluzione. Oggi, per esempio, ci sono tantissime tecniche di mobilizzazioni vertebrali che lavorano anche in fase acuta, e che possono miracolosamente guarire in poco tempo patologie o fastidi che sembravano invalidanti. Significa che nel futuro avremo sempre più possibilità di affrontare il problema in maniera conservativa, senza l’utilizzo di farmaci o di interventi chirurgici. Quindi la terapia manuale applicata alla fisioterapia, ovvero manipolazioni, esercizi funzionali, valutazioni soggettive, sono la cura al vero problema dei dolori di schiena.

 

La fisioterapia per patologie croniche

Il dolore cronico di origine muscolo-scheletrica senza ombra di dubbio ha bisogno di un intervento fisioterapico specializzato. Diverso è per quelle patologie croniche il cui dolore ha origine da meccanismi più centrali dove il paziente ha bisogno di approccio multidisciplinare.

Spesso vengono in studio pazienti con lombosciatalgie acute che hanno seguito delle indicazioni mediche quali: farmaci, riposo, ghiaccio, piscina. Sono consigli che, noi, nel nostro studio, avremmo valutato attentamente. Di solito quando il paziente ottempera tutte queste indicazioni, senza risolvere il problema, è molto scoraggiato. Succede molte volte che entra nel nostro studio un paziente che ha seguito tutti i consigli, anche quello del parrucchiere, indicandoci come ultima spiaggia, creandoci delle responsabilità anche più grandi di quelle che dovremmo avere. Per fortuna ci sono tanti casi in cui siamo riusciti ad aiutare il paziente risolvendo il problema alla fonte.

 

Progressi e strumenti della fisioterapia

La neurodinamica per esempio è una tecnica che utilizziamo spesso con pazienti affetti da lombosciatalgia, perché lavora direttamente sul nervo e perciò sui sintomi neurogenici. Oggi abbiamo tanti strumenti naturali per curare le patologie della colonna lombare, spesso anche più efficaci di quei rimedi che appaiono veloci ed efficaci.

La fisioterapia si specializzerà sempre di più per risolvere quelle situazioni che la medicina precedentemente non sapeva risolvere. Già in tanti paesi, come l’Australia, i fisioterapisti hanno l’autonomia nella gestione del paziente, collaborano con  gli ortopedici solamente quando il paziente è in forte rischio per la propria salute.

Quando hai male alla schiena, prima di allarmarti fai una valutazione fisioterapica specializzata per vedere quale percorso è consigliato. Dopo un’attenta diagnosi fisioterapica ci saranno due strade da seguire, o affrontare un percorso fisioterapico o quello di rivolgersi ad un altro specialista.

Fisio Flaminio - via donatello
FISIOFLAMINIO
Via Donatello 75
00195 Roma
Tel. (+39) 06 39375719
Fisio Flaminio - orari apertura
ORARI
Lun. – Ven. 08:00 – 20:00
Sabato 08:00 – 14:00
Fisio Flaminio - via donatello
FISIOFLAMINIO
Via Donatello 75
00195 Roma
Tel. (+39) 06 39375719
Fisio Flaminio - orari apertura
ORARI
Lun. – Ven. 08:00 – 20:00
Sabato 08:00 – 14:00
© 2023 FISIOFLAMINIO – P.IVA 15579551001 – ALL RIGHTS RESERVED.

FISIOTERAPIA RIABILITATIVA POST-OPERATORIA

Durante il periodo estivo o in prossimità delle vacanze estive, molti pazienti si operano programmando l’intervento, a volte invece l’intervento chirurgico è una conseguenza di un brutto infortunio e quindi non pianificato. Dopo un intervento chirurgico è necessario evitare la coagulazione del sangue, si potrebbe avere difficoltà a deambulare, se l’operazione è stata eseguita agli arti inferiori, potrebbe essere necessario indossare un tutore o una calza elastica… numerosi sono gli accorgimenti da non sottovalutare, ma una delle raccomandazioni più importanti è LA GRADUALITA’ nelle cose.

 

Post-operazione, come comportarsi

Spesso il paziente, a prescindere dall’operazione, si sente in grado di eseguire i normali movimenti o attività che svolgeva prima dell’ intervento. Il primo periodo, però, sarebbe meglio evitare, per non rovinare l’intervento del chirurgo o per evitare l’insorgere di inutili problemi. Spesso, chi si opera in estate, decide in maniera autonoma il piano riabilitativo ed è la cosa più sbagliata che si possa fare.

In alcuni casi, dopo alcune operazioni di protesi totale d’anca o interventi di ricostruzione di legamenti del ginocchio, il paziente che non ha seguito le linee guida, che ha deciso in autonomia di eseguire esercizi o peggio ancora non facendo nulla, ha riscontrato problematiche di non poco rilievo. Questo capita quando non percepiamo il dolore, quindi non sentiamo la paura di fare danni. Spesso, invece, il dolore è una buona cosa perché, essendo un allarme, ci avverte che qualcosa non va e che dobbiamo essere cauti, soprattutto durante le prime fasi post operatorie.

Le prime settimane sono cruciali! Ad esempio  per una ricostruzione del legamento crociato anteriore servono almeno 6-8 mesi prima di tornare all’attività fisica o sportiva. I primi tre mesi, ci si dovrebbe rivolgere ad un centro fisioterapico, successivamente si dovrebbe essere seguiti, in ogni caso, da una  persona specializzata nella riabilitazione. Il percorso post operatorio di una protesi totale dell’ anca, invece, necessita di almeno 4-5 mesi riabilitativi due dei quali all’interno di un centro di fisioterapia.

 

Interventi chirurgici durante l’ estate

Un grande consiglio per chi si opera in estate è, comunque, fare fisioterapia e rimandare le vacanze  per evitare, successivamente, una riabilitazione difficile e complicata. Il corpo umano durante un’operazione chirurgica è veramente debilitato, come se subisse un infortunio grave, quindi necessita del tempo per recuperare. A volte può servire anche un anno per ripristinare la normale condizione fisica, intesa come forza, trofismo e controllo e solamente con l’aiuto di professionisti possiamo veramente recuperare in maniera ottimale.

E’ errato pensare che riposando o stando a casa a far scorrere il tempo, si stia recuperando, perché non è cosi. Anzi è un atteggiamento deleterio e pericoloso. Chi sceglie o chi si opera per cause di forza maggiore, prima o durante l’estate, deve fare fisioterapia con dei professionisti del settore, anche sacrificando qualche momento di pausa, relax e vacanze per un bene maggiore che si ritroverà nel futuro.

I pazienti che hanno fatto fisioterapia dopo un anno dall’intervento chirurgico, avevano riscontrato problemi gravi come, mal di schiena, difficoltà nella deambulazione, difficoltà o dolore durante la corsa, dolori articolari generali, edemi e tutto questo perché non hanno eseguito il corretto percorso riabilitativo. Da un problema ne può scaturire un altro.

Quindi il ruolo del fisioterapista, terapista manuale od ortopedico è quello di consigliare il giusto percorso riabilitativo affinché il paziente possa tornare il più possibile ad una condizione di equilibrio e normalità.

Fisio Flaminio - via donatello
FISIOFLAMINIO
Via Donatello 75
00195 Roma
Tel. (+39) 06 39375719
Fisio Flaminio - orari apertura
ORARI
Lun. – Ven. 08:00 – 20:00
Sabato 08:00 – 14:00
Fisio Flaminio - via donatello
FISIOFLAMINIO
Via Donatello 75
00195 Roma
Tel. (+39) 06 39375719
Fisio Flaminio - orari apertura
ORARI
Lun. – Ven. 08:00 – 20:00
Sabato 08:00 – 14:00
© 2023 FISIOFLAMINIO – P.IVA 15579551001 – ALL RIGHTS RESERVED.

FISIOTERAPIA ACQUATICA E RIABILITAZIONE IN PISCINA

La fisioterapia

La fisioterapia è una branca della medicina che ha lo scopo di riportare i pazienti in uno stato di normalità in seguito ad un trauma, una patologia o un intervento chirurgico. La riabilitazione quindi può essere eseguita presso uno studio o una clinica privata, dove saranno presenti dei lettini, una palestra e uno spazio adibito per gli esercizi, oppure in acqua o meglio ancora in una piscina attrezzata.

 

Fisioterapia in acqua

In acqua non essendoci gravità, non percepiamo il peso del nostro corpo, perciò i pazienti che hanno delle limitazioni funzionali, una condizione di obesità o semplicemente un’età avanzata, avranno la possibilità di sentirsi più autonomi in un ambiente come la piscina o in mare. Infatti in acqua abbiamo la percezione che alcuni movimenti, apparentemente difficili, possono risultare più semplici anche grazie alla spinta idrostatica che ci riporterà verso l’alto.

 

 

Patologie più adatte ad una fisioterapia acquatica

Sicuramente le condizioni cardio-vascolari e respiratorie, sono le più favorite perché la circolazione sanguigna, il ritmo respiratorio e il movimento sono agevolati e permettono alle persone poco avvezze all’attività fisica di muoversi con più facilità. Tuttavia all’interno dell’acqua incontriamo una resistenza che può essere sfruttata per allenare o riabilitare il corpo, ci aiuta a rimanere a galla, ci permette di avere consapevolezza dello spazio circostanze e quindi di allenare la coordinazione e la percezione del nostro corpo.

 

Fisioterapia post-intervento chirurgico

La resistenza dell’acqua può essere sfruttata per creare ed inventarsi molteplici esercizi, con lo scopo di rinforzare la muscolatura. Ad esempio in seguito ad un intervento chirurgico agli arti inferiori, il paziente perde l’autonomia e la capacità di camminare, perciò l’acqua può essere un ottimo strumento per rieducare il paziente al ritorno a questa attività fisiologica. Il messaggio importante è quello di non consigliare la fisioterapia in acqua come parte fondamentale del percorso riabilitativo, anzi, dobbiamo essere consapevoli che essendo animali terresti, quindi abituati alla gravità, abbiamo bisogno di riabilitarci nel nostro habitat naturale.

Qualora la fisioterapia post chirurgica fosse eseguita completamente in acqua, il paziente potrebbe avere difficoltà, per esempio al ritorno ad un’attività sportiva fuori dall’acqua. Qualora fosse il contrario non ci sarebbero conseguenze deleterie, ma il pensiero moderno della fisioterapia non ha alcune controindicazioni contro la fisioterapia in acqua, ma delle linee guida che andrebbero seguite il più possibile. Quindi un ipotetico paziente potrebbe fare tranquillamente una parte della riabilitazione in acqua, senza andare incontro ad alcune conseguenze.

 

Fisioterapia in acqua, si consiglia di:

  • Verificare che la patologia che ci affligge sia adatta alla riabilitazione in acqua.
  • Fare un controllo delle comorbilità
  • Non avere ferite aperte o ancora i punti di sutura post chirurgici
  • Non avere infezioni o infiammazioni acute
  • Camminare in acqua alta se ci sono problemi di obesità, sedentarismo, caviglie gonfie, deficit di ritorno venoso, problematiche cardio-vascolari e respiratorie.
Fisio Flaminio - via donatello
FISIOFLAMINIO
Via Donatello 75
00195 Roma
Tel. (+39) 06 39375719
Fisio Flaminio - orari apertura
ORARI
Lun. – Ven. 08:00 – 20:00
Sabato 08:00 – 14:00
Fisio Flaminio - via donatello
FISIOFLAMINIO
Via Donatello 75
00195 Roma
Tel. (+39) 06 39375719
Fisio Flaminio - orari apertura
ORARI
Lun. – Ven. 08:00 – 20:00
Sabato 08:00 – 14:00
© 2023 FISIOFLAMINIO – P.IVA 15579551001 – ALL RIGHTS RESERVED.

FISIOTERAPIA E TERAPIA MANUALE

La terapia manuale 

La fisioterapia prevede due differenti trattamenti: manuale o strumentale.

La terapia manuale è una tecnica utilizzata da un professionista specializzato e non da chiunque. Spesso  il termine “terapia manuale” viene  utilizzato impropriamente. Oggi la fisioterapia mondiale ha connotato bene questa definizione all’interno delle specializzazioni, creando una nuova figura nel campo della riabilitazione. Esiste un’organizzazione internazionale che definisce delle linee guida chiare e precise, con lo scopo di aiutare il paziente a risolvere dei problemi che fino ad oggi sono stati curati con macchinari o farmaci, senza capirne veramente la causa.

La fisioterapia, come tutta la medicina, ha il dovere di migliorarsi continuamente, aggiornarsi e mettere in discussione quello che prima era assoluto, permettendo al professionista di avere molti più strumenti e ampliando il proprio ventaglio di scelte terapeutiche.

Il terapista manuale

L’IFOMT (international federation of orthopaedic manipulative physical therapists) è l’organizzazione che regola e chiarisce quali siano i compiti che devono svolgere le università per accreditare il titolo di terapista manuale OMT. Quindi la terapia manuale è svolta da una professionista che, oltre ad un percorso universitario ha svolto un master e ottenuto l’abilitazione di “terapista manuale”.
I terapisti manuali sono stati istruiti a valutare il paziente in maniera globale, quindi mirare alla comprensione degli aspetti bio-psico-sociali della persona.

Valutazione del paziente

Per il terapista manuale, il quadro clinico del paziente prende in considerazione sentimenti e passioni che possono influenzare lo stato di salute. Dunque, usa una metodologia capace di riconoscere e raccogliere dati clinici  attraverso un ragionamento rigoroso e basato sulle evidenze scientifiche. L’ obiettivo è raggiungere soluzioni terapeutiche di alto livello e una maggior appropriatezza clinica. 

 

Tecniche manuali

In seguito alla raccolta dei dati clinici ottenuti, il terapista può elaborare delle ipotesi, attuando una serie di strategie di intervento che applichino quelle che sono le “tecniche manuali”: MASSOTERAPIA, LINFODRENAGGIO ESTETICO, GINNASTICA POSTURALE MEZIERES, GINNASTICA POSTURALE SOUCHARD, KINESIO, TAPING, PILATES, YOGA, LINFODRENAGGIO TERAPEUTICO, BENDAGGIO FUNZIONALE, CHINESITERAPIA, REIKI, PREPARAZIONE ATLETICA. Attraverso delle mobilizzazioni, delle manipolazioni o anche attraverso l’esercizio fisico specifico, il terpista manuale gestisce il problema che affligge la persona.

Nella complessità della medicina e del corpo umano, la figura del terapista manuale è in grado di sviluppare un processo decisionale, in seguito ad un’attenta valutazione personale che altre figure non attuano.

La terapia manuale ha il compito di acquisire una visione professionale del problema e soprattutto univoca. Il terapista manuale ha delle linee guida molto serie, che devono portare a valutare in maniera responsabile il paziente e il problema che lo affligge. Deve ricercare e trovare un metodo che lo possa aiutare a lungo termine, nella maniera più naturale possibile . Ha l’obiettivo di risolvere il problema e non solamente di ridurre il sintomo.

Se la medicina avesse come obiettivo l’ascolto e la comprensione di quali siano i veri bisogni dei pazienti, sarebbe più semplice trovare la cura ed aiutare le persone nel loro insieme.

Fisio Flaminio - via donatello
FISIOFLAMINIO
Via Donatello 75
00195 Roma
Tel. (+39) 06 39375719
Fisio Flaminio - orari apertura
ORARI
Lun. – Ven. 08:00 – 20:00
Sabato 08:00 – 14:00
Fisio Flaminio - via donatello
FISIOFLAMINIO
Via Donatello 75
00195 Roma
Tel. (+39) 06 39375719
Fisio Flaminio - orari apertura
ORARI
Lun. – Ven. 08:00 – 20:00
Sabato 08:00 – 14:00
© 2023 FISIOFLAMINIO – P.IVA 15579551001 – ALL RIGHTS RESERVED.

MASSOTERAPIA

Che cosa è la massoterapia

La massoterapia è una tecnica manuale di base utilizzata da un fisioterapista, per alleviare o ridurre la sintomatologia di alcune patologie del sistema muscolo-scheletrico.

 

Quando è utilizzata

La massoterapia viene applicata ai pazienti che hanno contratture muscolari, lesioni muscolari, tensioni sulla fascia e dolori mio-fasciali. Il massaggio viene eseguito sulle strutture muscolari o tendinee ed è una delle tante terapie curative utilizzate in campo riabilitativo. Spesso si fa confusione associando il fisioterapista al massaggiatore, quando invece c’è una bella differenza. Il fisioterapista è un laureato in campo medico, specializzato nella riabilitazione, quindi la massoterapia è una delle prime tecniche che questo professionista deve conoscere.

 

Valutazione della patologia

La massoterapia eseguita con un certo criterio può lenire il dolore o ridurre le tensioni mio-fasciali, ma non può curare quelle patologie che hanno un’origine diversa da quella muscolare. Infatti per guarire le famose lombalgie, cervicalgie, tendiniti o infiammazioni, bisogna comprendere bene, attraverso una vera valutazione del paziente, se la massoterapia è la tecnica più indicata. Quindi per aiutare i nostri pazienti attraverso le tecniche del massaggio è fondamentale capire se il dolore è strettamente collegato ad un problema muscolare. Qualora la patologia o la disfunzione provenisse da qualsiasi altra struttura, il paziente probabilmente avrebbe bisogno di accompagnare il massaggio ad un’altra terapia. Infatti molteplici patologie hanno bisogno di un approccio multifattoriale, dove il paziente e il suo dolore devono essere al centro del nostro percorso riabilitativo.

 

Riduzione del dolore e dello stress con il massaggio

La massoterapia infatti gioca un ruolo fondamentale anche per quelle strutture che non sono in superficie e quindi in contatto con le mani del terapeuta, per esempio tutte quelle situazioni psico-somatiche che affliggono il paziente. Il dolore è un concetto che bisogna studiare con attenzione e la massoterapia può veramente essere efficace per molteplici ragioni. Il massaggio spesso è percepito dal paziente come piacevole, anche se “doloroso”, perché è visto come un momento di evasione, dove il paziente è al centro dell’attenzione.

Tante persone sentono il bisogno di ridurre lo stress e il massaggio ha lo scopo di promuovere la salute e il benessere del corpo, compreso il nostro benessere psico-fisico. Quindi uno degli effetti più interessanti è la stimolazione della secrezione delle endorfine, sostanze chimiche prodotte dal nostro cervello e dotate di una potente attività analgesica e mio-rilassante. Il segnale doloroso avvertito dal paziente viene modulato dalla stimolazione meccanica dei recettori del corpo, riducendo la sensazione dolorosa, la tensione o il fastidio.

 

Miglioramento della circolazione sanguigna

Non dimentichiamoci di tutte quelle altre funzioni che può avere la massoterapia e quali può comprendere. Per esempio il sistema linfatico è un apparato del corpo che beneficia di questo trattamento.

Attraverso il massaggio abbiamo un miglioramento della circolazione sanguigna, un aumento dell’apporto di ossigeno alle cellule e quindi dei nutrienti ai tessuti interessati. Il massaggio favorisce il drenaggio linfatico e l’eliminazione di tutti i cataboliti o sostanze di rifiuto.

La cellulite e la ritenzione idrica sono patologie che necessitano spesso di trattamenti di massoterapia, dove l’unica grande differenza è nella modalità di esecuzione. Ovvero ove ci sia un problema linfatico o di circolazione, la stimolazione deve essere molto più dolce e superficiale, rispetto ad un problema muscolare, come per esempio una contrattura, dove la stimolazione può avvenire anche più in profondità.

 

Per gli sportivi

Una delle variabili fondamentali è la velocità dell’applicazione. È un’equazione semplice: più la tecnica è veloce e più avremo una stimolazione attivante del sistema coinvolto, più è lenta minore sarà la nostra stimolazione. Infatti è fondamentale valutare il paziente prima di iniziare il trattamento e comprendere se ci sono delle controindicazioni importanti.

Gli sportivi per esempio hanno spesso bisogno di un ciclo di massoterapia, infatti in accordo con il terapista, si eseguono dei massaggi attivanti, quindi veloci, prima di una competizione oppure mio-rilassanti (lenti), in seguito alla gara o all’attività sportiva, per ridurre quelle che sono le tensioni o i fastidi muscolari.

 

Insomma alla base di tutto ci vuole un’ottima conoscenza della materia, quindi dell’anatomia, della fisiologia, della patofisiologia, l’esperienza empirica del professionista, l’empatia, la manualità e tutte quelle caratteristiche necessarie per aiutare al meglio il paziente. All’interno delle competenze del professionista la valutazione del paziente rimane essere la prima cosa da fare. Una buona valutazione è più importante di una tecnica eseguita bene, perché se il terapista comprende l’origine del problema, curare il paziente diventa più semplice.

Fisio Flaminio - via donatello
FISIOFLAMINIO
Via Donatello 75
00195 Roma
Tel. (+39) 06 39375719
Fisio Flaminio - orari apertura
ORARI
Lun. – Ven. 08:00 – 20:00
Sabato 08:00 – 14:00
Fisio Flaminio - via donatello
FISIOFLAMINIO
Via Donatello 75
00195 Roma
Tel. (+39) 06 39375719
Fisio Flaminio - orari apertura
ORARI
Lun. – Ven. 08:00 – 20:00
Sabato 08:00 – 14:00
© 2023 FISIOFLAMINIO – P.IVA 15579551001 – ALL RIGHTS RESERVED.